I 5 posti in cui è meglio non navigare!

A meno che non siate dei marinai esperti e amanti dell’adrenalina e di sfide marine, è sempre prudente scegliere dove andare prima di una traversata. Se siete dei marinai saggi, probabilmente non volete esporvi ai pericoli che non risparmiano alcune zone marittime. Pertanto, in quest’articolo troverete cinque zone che vi consigliamo di evitare.

Capo Horn

capo-horn

Situato sulla punta meridionale del continente americano, Capo Hor si trova nelle acque territoriali del Cile ed è regolarmente soggetto a raffiche di vento che possono raggiungere i 100 km/h. Il clima è molto umido, con un mare soggetto a forti correnti, enormi onde di 30 metri e grandi iceberg. Nonostante i suoi pericoli,  Capo Horn continua ad affascinare molti velisti, perché è tra le rotte marittime più veloci al mondo.

Il triangolo delle Bermude

bermuda

Nell’Atlantico, lungo la costa orientale della Florida e Puerto Rico, il famoso Triangolo delle Bermuda è una zona marittima da evitare. Su una superficie di circa 4 milioni di chilometri quadrati, l’area è nota per aver inghiottito o aver fatto sparire centinaia di aerei e navi. Tutte le vittime sono ufficialmente disperse e nessuna carcassa o relitto è stato trovato fino ad oggi. Esistono diverse teorie su questo triangolo, in cui le condizioni di navigazione sono spesso difficili a causa delle tempeste regolari. Attualmente, l’ipotesi scientifica più diffuso sostiene che le sparizioni in questo settore siano legate alla attività geologica della regione. Questo è quando grandi quantità di metano sono emesse dalle profondità del triangolo delle Bermude, e questo fenomeno potrebbe risucchiare i mezzi di trasporto che passano. Essere consapevoli del fatto che se si ha intenzione di avventurarsi in questo spazio marittimo misterioso, non sarete coperti da nessuna compagnia assicurativa.

Il Canale di Drake

canale-di-drake

A sud di Capo Horn, il Canale di Drake fa parte dei mari più difficili da affrontare del pianeta. Questo canale, largo circa 830 km, separa il Sud America dall’Antartide ed è animato da venti forti ed imprevedibili che cambiano spesso direzione. Così, la maggior parte delle barche e yacht mentre si preparano ad avventurarsi in queste acque dovrebbero aspettarsi un’attraversata movimentata e pericolosa.  Inutile dire che molti velisti esperti fanno una preghiera quando sono in procinto di prendere questo passaggio!

Il Capo di Buona Speranza

capo-di-buona-speranza

Situato sulla costa atlantica del Sud Africa, il Capo di Buona Speranza è un bacino marino da evitare durante una crociera con i propri cari . Precedentemente conosciuto come il « Capo delle Tempeste », questa zona, che non è altro che lo svincolo della corrente fredda dell’Atlantico e la corrente calda dell’Oceano Indiano, ha già visto affondare diverse navi, tra cui la portoghese Sao Bento (1554) e la SS Lusitania (1911).

Le acque territoriali del Perù

peru

La zona marittima a 2412 km al largo della costa che delimita il lato ovest del Perù, è spesso il palcoscenico di banditi del mare. Così, spesso consigliamo gli appassionati di vela di evitare questa parte del Pacifico, in particolare se la barca è particolarmente lenta e vulnerabile. Va inoltre detto che i pirati nella regione in generale viaggiano a bordo di imbarcazioni abbastanza veloci, oltre ad essere spesso pesantemente armati. Possono essere provvisti di fucili d’assalto e anche di lanciarazzi!